Confronto tra pensare e diventare ricchi e la scienza di diventare ricchi

Confronto tra pensare e diventare ricchi e la scienza di diventare ricchi

Confronto tra pensare e diventare ricchi e la scienza di diventare ricchi

Diventare ricchi sembra essere la cattura più sfuggente e più difficile da realizzare. Molti hanno scritto di modi per arricchirsi nel desiderio di presentare questa impresa apparentemente difficile che sembra raggiungibile. Mentre molti di questi lavori presentano molte idee diverse, a volte ci si può perdere nel pantano di suggerimenti e prescrizioni che finiscono per rendere la questione ancora più complicata.

Thank you for reading this post, don't forget to subscribe!

Due lavori su questo argomento, tuttavia, si distinguono dal resto per un motivo significativo. In realtà rendono le cose semplici fino al punto di presentare la legge del successo in 16 lezioni o giù di lì. Questi lavori sono Science of Getting Rich e Law of Success/Think of Grow Rich scritti rispettivamente da Wattles e Hill.

Sebbene scritti a distanza di anni e sebbene ogni opera abbia la sua presentazione unica, in realtà si integrano a vicenda. Fanno emergere gli stessi principi presentandoli nel loro modo speciale, distintivo ed eccezionale. La scienza del diventare ricchi inizia dicendo a tutti che ha il diritto di diventare ricchi, ma questo richiede un approccio sistematico che potrebbe essere chiamato la scienza del diventare ricchi.

Think and Grow Rich sostiene che diventare ricchi è un obiettivo principale definito, un diritto per così dire, e richiede anche un approccio sistematico, chiamato la legge della mente. Ora si tratta di riconoscere il percorso per diventare ricchi. Wattles parla per la prima volta dei primi principi nella scienza dell’arricchimento e abbastanza presto prosegue elencando il valore a cui bisogna guardare. Parla di aumentare la vita, di gratitudine, di pensare in un certo modo, di come usare la volontà, di agire in un certo modo, di mettersi nel giusto affare e finisce con l’impressione di accrescimento, l’avanzata dell’uomo e alcune precauzioni e osservazioni conclusive.

Meno l’ultima lezione che riassume i punti, Wattles discute la scienza dell’arricchimento in 16 lezioni. Hill si immerge immediatamente nei valori che si devono promuovere per diventare ricchi che, dice, includono fiducia in se stessi, abitudine al risparmio, iniziativa e leadership, immaginazione, entusiasmo, autocontrollo, essere più che pagati, personalità piacevole, pensiero accurato, accuratezza pensiero, concentrazione, cooperazione, profitto dal fallimento e tolleranza. Si conclude con la regola d’oro. Fondamentalmente presenta la legge del successo in 16 lezioni.

La legge del successo in 16 lezioni è la differenza specifica significativa che può essere inoltrata per quanto riguarda questi due libri di successo. Le 16 lezioni rappresentano in realtà la semplificazione di un compito altrimenti difficile che chiunque voglia riuscire a diventare ricco e a volte finisce per temere. La semplificazione è la chiave di entrambi i lavori di Wattles e Hill. Semplificare significa rendere le loro prescrizioni raggiungibili e realistiche. La semplificazione alla fine significa successo. Semplificare significa diventare ricchi.

In ultima analisi, Wattles e Hill dichiarano quindi lo stesso punto fondamentale. Non c’è niente di complicato nel percorso per diventare ricchi. Tutto è alla portata di chiunque sia così serio da avere quel desiderio di arricchirsi mostrato dalla volontà di fare qualcosa al riguardo. Wallace la chiama scienza. Hill la chiama la legge della mente. Entrambi sono approcci sistematici semplici e succinti da seguire.

Non c’è un percorso lungo da percorrere, solo una breve, diretta al punto di strada verso il successo. Diventare ricchi è il risultato di fare le cose giuste al momento giusto. Chi fa le cose giuste diventa ricco. Chi non fa le cose giuste, anche se continua a fare sforzi, rimarrà povero. Questo non si basa su nulla al di fuori della propria portata. Il percorso per arricchirsi inizia però con il saper semplificare tutto e come focalizzare lo sguardo nella corsa sistematica verso il successo.

Non ci sarà bisogno di molte cose da fare. È chiaro dai suggerimenti fatti in questi due lavori che facendo esattamente ciò che prescrivono, il successo è inevitabile. Questo è ciò che rende le cose semplici. Fai solo quello che viene detto. I due capolavori delineano chiaramente in 16 lezioni molto semplici le qualità che uno deve possedere per raggiungere il successo. È tutta una questione di sapere quali sono queste qualità. O forse si tratta di vedere quanto siano davvero semplici le cose.