La psicologia dello spettacolo

La psicologia dello spettacolo

La psicologia dello spettacolo

Sulle forme dell’intrattenimento privato e pubblico ei meccanismi psicologici nell’intrattenimento

Thank you for reading this post, don't forget to subscribe!

L’intrattenimento ha molte dimensioni e può essere una forma di intrattenimento personale/privata o più generale e pubblica. Quando giochiamo con i nostri amici è una forma di intrattenimento personale e quando ci sediamo e guardiamo un film sullo schermo è una forma di intrattenimento più generale poiché condividiamo l’esperienza con molti altri. Ci sono alcune differenze nella nostra percezione delle forme di intrattenimento private e pubbliche poiché l’intrattenimento personale sarà sempre basato su esperienze personali, sulla nostra personale visione del mondo e sarà determinato da interazioni personali.

Le forme di intrattenimento più generali e pubbliche sono meno interattive e sembra esserci questa contraddizione di base poiché tutte le forme di intrattenimento personali sono più interattive e le forme di intrattenimento pubbliche più personali e private. Questo scenario è cambiato con i programmi televisivi che aumentano la partecipazione del pubblico al programma, tuttavia i modelli di interazione tra intrattenitori e spettatori in qualsiasi scenario di intrattenimento pubblico rimangono entro limiti e confini rigidi.

L’intrattenimento ci porta in un mondo diverso e alimenta il nostro bisogno di fantasia e di fuga dalla vita reale. Ciò è particolarmente vero per l’intrattenimento più pubblico o fornito dai media e l’intrattenimento fornito da film, teatro, musica e tutte le forme di arte creativa. I film e il teatro ci traspongono in un mondo di fantasia e catturano la nostra attenzione, così rimaniamo assorbiti quasi come parte di questa realtà alternativa. L’intrattenimento potrebbe anche essere sotto forma di storie di riviste e pettegolezzi o persino la cultura delle celebrità e la psicologia dell’intrattenimento potrebbe anche spiegare l’estrema mania della cultura delle celebrità che abbiamo nel mondo moderno.

Le celebrità sembrano aprire un mondo di fantasie e per alcune persone conoscere ogni mossa delle celebrità potrebbe portare un’immensa soddisfazione in quanto significherebbe quasi partecipare alle fantasie. Le fantasie aiutano a superare le frustrazioni e servono come terapeutiche in quanto aiutano nella fuga dalla realtà della vita. Le emozioni reali e la vita reale sono stressanti e l’intrattenimento ci aiuta ad andare oltre la vita reale e i momenti di stress per partecipare a fantasie che sono rilassanti poiché non dobbiamo essere direttamente coinvolti in queste fantasie e tuttavia come spettatori possiamo ancora partecipare in modo tacito o in maniera passiva.

La partecipazione a qualsiasi libro, film o arte creativa è quasi come sedersi su una sedia reclinabile che ha la tecnologia per lenire i muscoli mentre ti rilassi. Nel caso dell’intrattenimento partecipiamo quasi in modo passivo e sebbene possiamo essere molto vigili e svegli durante la visione di un film, l’intrattenimento ci dà l’illusione della non partecipazione poiché non abbiamo l’opportunità di essere coinvolti volontariamente in lo scenario. Tutto ciò che ci dà una qualche forma di piacere può essere considerato intrattenimento, anche se l’intrattenimento potrebbe anche darci dolore come quando piangiamo quando siamo coinvolti emotivamente con i personaggi mentre guardiamo un film.

L’intrattenimento potrebbe innescare un coinvolgimento emotivo e reazioni emotive come felicità, dolore, ansia, paura e nonostante questa forte partecipazione emotiva, l’attività fisica necessaria da parte dello spettatore è scarsa o nulla. Questo processo attivo-passivo è l’attrazione principale dell’intrattenimento poiché l’intrattenimento ci consente di essere sia attivi (in termini di emozione) che passivi (in termini di coinvolgimento fisico o mentale volontario). Intrattenimento significa come i film sono influenti ma influenzano in modo sottile piuttosto che in modo aggressivo e questa sottile influenza sembra funzionare meglio sulla mente umana rispetto a qualsiasi forma di influenza aggressiva. Consideriamo il lavoro come un dovere e l’intrattenimento come un piacere, sebbene entrambi implichino una qualche forma di coinvolgimento emotivo. Il lavoro allo stesso tempo richiede la partecipazione volontaria, il processo decisionale e il coinvolgimento fisico insieme al coinvolgimento emotivo.

Ma perché il lavoro è percepito come qualcosa di pesante e l’intrattenimento come metodi di rilassamento? La risposta è imprevedibilità. In caso di intrattenimento, nella maggior parte dei casi potremmo non sapere nemmeno cosa aspettarci da un film o da un video musicale. Questa imprevedibilità suscita il nostro interesse poiché non siamo in grado di prevedere quali stati emotivi verrebbero evocati durante questa avventura mentale. L’intrattenimento è solitamente una forma di avventura mentale ed emotiva. Nei casi in cui sappiamo di cosa tratta un film, è la sensazione di familiarità emotiva che ci spinge a sperimentare ciò che già sappiamo. Supponiamo che un videogioco ci desse una sensazione piacevole o evocasse in noi aggressività e competitività, torniamo a provare la stessa emozione che era piacevole o eccitante. Estese troppo, queste forme di intrattenimento potrebbero facilmente creare dipendenza.

Tornando alla distinzione tra lavoro e intrattenimento o gioco, il lavoro implica responsabilità e nonostante il coinvolgimento emotivo nell’intrattenimento, oltre ad essere un partecipante passivo, non dobbiamo essere responsabili di nulla, non c’è problem solving o processo decisionale e questo è così che l’intrattenimento in tutte le sue forme è così piacevole poiché le attività decisionali del cervello destro e le regioni corticali del cervello non sono attivate completamente, ma le sensazioni di piacere e le emozioni come l’ipotalamo e le attività del cervello sinistro sono solitamente attivate, quindi tendiamo a intrattenimento associato alle emozioni piuttosto che alla risoluzione dei problemi e al processo decisionale.

Noi umani siamo esseri razionali eppure le emozioni sembrano ancora governare le nostre vite e formare il nucleo della nostra esistenza poiché le emozioni ci portano ancora a fare cose che potrebbero essere irrazionali. L’intrattenimento che provoca principalmente le emozioni piuttosto che la ragione ha un impatto importante sulla vita delle persone. Apprezzare qualsiasi forma di intrattenimento potrebbe passare dalle fasi di interesse al coinvolgimento emotivo e infine alla dipendenza. La cultura delle celebrità è il risultato diretto delle ultime fasi di apprezzamento per l’intrattenimento.

L’interesse per le celebrità deriva dal coinvolgimento emotivo con i personaggi nei film e potrebbe esserci una sostanziale mancanza di differenziazione tra fantasia e realtà, quindi i fan delle celebrità sono più innamorati dei personaggi che interpretano queste celebrità o dei tratti che proiettano piuttosto che della personalità delle celebrità. La cultura delle celebrità sembra portare le persone in un mondo fantastico e persistente e le persone sono viste come discutere di tutti gli aspetti delle celebrità dalle loro scarpe alla loro pettinatura alle auto che possiedono. Questo tipo di cultura potrebbe tuttavia essere spiegato con il bisogno individuale di sfuggire alla realtà e identificarsi con qualcuno in un mondo fantastico e sarebbe un elemento importante nello studio della fantasia.

Lo studio dell’intrattenimento fa emergere molti aspetti psicologici della partecipazione attiva-passiva all’avventura emotiva o mentale e questi potrebbero essere

1. Identificazione – Gli spettatori spesso si identificano con i personaggi dei film o con le figure nell’arte e questa forte identificazione aiuta a spiegare il valore dell’intrattenimento. I bambini piccoli hanno visto imitare le star del cinema mentre iniziano a identificarsi con i personaggi dei film.

2. Fantasia – L’intrattenimento si nutre del bisogno di fantasia nelle persone e fornisce una via di fuga dal mondo reale. La dipendenza dall’intrattenimento potrebbe essere la base dell’ansia da realtà nelle persone.

3. Proiezione – Gli individui tendono a proiettare le proprie emozioni o stati d’animo su un dipinto o una canzone e potrebbero trarne piacere

4. Regressione – L’intrattenimento potrebbe spesso ricordare agli individui il loro passato o una parte della loro stessa vita che potrebbero aver dimenticato e in alcuni casi far emergere il bambino che è in loro. Ad esempio, quando le persone anziane si divertono con i videogiochi, si riporta indietro la loro infanzia e possono diventare dipendenti da questo tipo di intrattenimento.

5. Sublimazione – L’intrattenimento è anche una forma di sublimazione dei nostri desideri impulsivi e questo è particolarmente vero quando partecipiamo all’intrattenimento come all’interpretazione dell’arte

6. Spostamento – Nelle forme di intrattenimento non partecipative e passive, gli individui tendono a fuggire dalla realtà ea spostare le proprie emozioni dalle persone reali ai personaggi dei film. Ad esempio, un adolescente innamorato di una ragazza che non riesce a raggiungere può innamorarsi di un personaggio di un film che potrebbe avere somiglianze con la ragazza dei suoi sogni.

Tutti i suddetti processi sono meccanismi di difesa dell’ego delineati da Freud e l’interazione di così tanti meccanismi di difesa nell’intrattenimento suggerisce che l’intrattenimento è più di una semplice fonte di piacere e potrebbe innescare complessi processi psicologici nella mente umana. Sarebbero necessarie ulteriori ricerche in questo campo della psicologia per una completa comprensione dei vantaggi o degli svantaggi dell’intrattenimento nella società moderna.

Da Riflessioni in psicologia – Saberi Roy